Miniascensori

MINIASCENSORI: LA MIGLIORE RISPOSTA PER SUPERARE I DISLIVELLI

I Miniascensori, con l’evoluzione del mercato delle ristrutturazioni stanno vivendo un momento di grande sviluppo.

Nati come Piattaforme Elevatrici, come alternativa ai montascale, erano usati esclusivamente nel mondo della “disabilità”. Rapidamente si sono evoluti, e la necessità di una piattaforma elevatrice “bella“, arricchita di particolari tipici del mercato delle abitazioni li ha portati ad occupare delle nicchie, ieri patrimonio esclusivo degli ascensori.

Da questi ultimi si differenziano esclusivamente per la velocità: fino a 15 cm al secondo “MINIASCENSORI“, oltre “ASCENSORI“.

Anche i Miniascensori possono essere equipaggiati con la manovra “a ritenuta” o “di tipo ascensoristico”, essendo oggi non più un obbligo la manovra a “uomo presente”, dove per fare funzionare la macchina non è sufficiente una semplice pulsata ma occorre tenere sempre premuto il pulsante di azionamento.

Il Miniascensore può essere montato in ogni contesto, sia all’interno delle abitazioni che all’esterno, e la sua grande versatilità lo rende idoneo alle installazioni nelle ristrutturazioni.

All’interno dei condomini la naturale collocazione viene ricavata all’interno del vano scala, eventualmente tagliano parte dei gradini per ricavare quelle minime dimensioni necessarie all’inserimento del vano; di norma il castello viene tamponato in cristallo per non togliere luce al vano scala.

Nelle case private, soprattutto se la fermata è in un mansardato, si può pensare ad una ultima fermata con cancelletto prevedendo la piattaforma equipaggiata con una semplice mezza parete di fortissimo impatto scenografico.

Nei casi in esterno invece la naturale collocazione è addossarlo alla parete dell’edificio con lo sbarco sui balconi. In questo caso il tamponamento suggerito è in cristallo che può essere, naturale, fumee, o specchio (stopsol) o addirittura colorato

Il Miniascensore non deve sottostare alle rigide norme ascensoristiche, per cui gli ingombri sono decisamente favorevoli rispetto agli ascensori. L’assenza di fossa e di testata completano i vantaggi competitivi della piattaforma elevatrice, commercialmente definita Miniascensore.

Per superare piccoli dislivelli la soluzione suggerita è quella di prevedere dei semplici cancelli di ingresso alla piattaforma per evitare un eccessivo ingombro del vano corsa.

Nessun limite dall’ambiente circostante

I Miniascensori, come del resto la corsa in elevazione è limitata esclusivamente dalla velocità, in quanto oltrte le 5 fermate perderebbe senso il loro utilizzo.

Le finiture dei Miniascensori sono tantissime: acciai colorati, plastificati o addirittura con la possibilità di rivestimento artigianale con legno, sughero o moquette.

Anche gli azionamenti sono tanti e diversi: elettrico a funi, oleodinamnico, a pantografo o a vite senza fine.

Grazie alle ridotte dimensioni può essere benissimo montato in ambienti domestici quali tinelli, cucine e sale TV

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Il Consiglio federale Svizzero ha disciplinato il campo normativo delle piattaforme elevatrici con l’ordinanza 819.14 Ordinanza sulle macchine disciplinando l’immissione sul mercato e la sorveglianza del mercato relative alle macchine secondo la direttiva 2006/42/CE

Il testo legislativo della nuova Direttiva Macchine introduce alcune modifiche importanti rispetto alla precedente versione (98/37/CE) e modifica parzialmente anche la Direttiva Ascensori.

Gli interventi introdotti hanno contribuito a:

– meglio delineare il campo di applicazione della Direttiva Macchine;

– definire in maniera più dettagliata determinati concetti, posizioni soggettive ed attività che non erano così
trattati nella precedente versione;

– adeguare e completare i Requisiti Essenziali di Sicurezza (RES) e di tutela della salute;

– semplificare le procedure di Valutazione della Conformità;

– rafforzare i meccanismi di Sorveglianza del mercato e di cooperazione tra Stati Membri;

– rafforzare i meccanismi di Controllo sull’operato degli organismi notificati;

– prevedere l’adozione da parte degli Stati Membri di un sistema sanzionatorio specifico

Miniascensori per persone disabili

Le dimensioni e le caratteristiche che devono avere i miniascensori variano da ambiente pubblico a quello privato. La norma è molto meno restrittiva rispetto a quella degli ascensori, e la motivazione risiede nel fatto che si è voluto facilitare l’installazione di ausili per la disabilità anche in quegli ambienti domestici dove gli spazi sono estremamente esigui.

In ambiente pubblico e in luoghi aperti al pubblico la dimensione moinima della pedana deve essere non inferiore a 1100 mm x 1400 mm

Miniascensori con corsa ridotta

Un’altra importante nicchia di mercato dei Miniascensori è quella delle installazioni con corsa massima di 3000 mm. In questi particolari casi la normativa consente di montare i Miniascensori senza vano corsa, lasciando al costruttore la definizione di tutti gli aspetti di sicurezza necessari.

Questi modelli spesso sono usati in alternativa ai montascale a piattaforma, risultando utili non solo alle persone con disabilità ma a chiunque voglia con facilità trasportare oltre che persone anche cose e oggetti

Layout installazione Miniascensore – Esempi di attraversamento del solaio

Compila il form e invia la richiesta per ricevere le brochure gratis
Spuntando la casella si acconsente all'utilizzo dei dati come indicato nella Privacy Policy